Supporter

Flavia Marzano.jpg

Flavia Marzano

Assessora a Roma Semplice, diplomata a Roma, laureata a Pisa in Scienze dell’Informazione. Da più di 25 anni opera per l’innovazione della Pubblica Amministrazione. Docente in Tecnologie per la pubblica amministrazione presso università di Bologna, Torino, Roma Sapienza e Link Campus University dove ha ideato e dirige il Master Smart Public Administration. L’attività degli ultimi dieci anni si è svolta principalmente nei seguenti ambiti: Open Government, Smart City, Agenda Digitale, Trasparenza, Partecipazione, Open Source, Open data, Cittadinanza attiva, Divario digitale e di genere. Social network manager, esperta di comunità virtuali, fondatrice e Presidente (dimissionaria a seguito dell’incarico di assessora) di Stati Generali dell’Innovazione, ideatrice e animatrice della rete WISTER (Women for Intelligent and Smart Territories).

Riccardo Luna.jpg

Riccardo Luna

Da ottobre 2016 è direttore responsabile di Agi Agenzia Giornalistica Italia. È stato Digital Champion dell’Italia e ha candidato Internet al premio Nobel per la Pace. Nel 2012 ha fondato Wikitalia, associazione per la trasparenza e partecipazione politica attraverso la rete; è vice presidente della onlus Fondazione Make in Italy. Ha lavorato per le principali testate italiane, tra cui Repubblica per oltre 10 anni, ed ha fondato e diretto tre giornali: “Campus”, “Il Romanista” e “Wired”, i magazine online “CheFuturo!” e “StartupItalia!”.

Anna Masera

Anna Masera

È una giornalista italiana, attualmente Garante dei lettori (e utenti web) del quotidiano torinese La Stampa. Dal 2014 al 2015 è stata Capo dell’Ufficio Stampa e Responsabile della Comunicazione della Camera dei Deputati. Dopo la laurea in storia alla Yale University ottiene il master in giornalismo presso la Columbia University di New York.
Inizia la professione giornalistica italiana al quotidiano economico Italia Oggi nel 1986, per poi passare all’agenzia Reuters e ai mensili Fortune e Espansione della Arnoldo Mondadori Editore. Collabora in quegli anni come corrispondente dall’Italia alla rivista specializzata americana Advertising Age. Nel 1994, dopo una collaborazione al talkshow Milano, Italia di Rai 3, approda al settimanale Panorama e da allora segue gli sviluppi di Internet e i nuovi media. Dal 1999 è a La Stampa, dove ha lanciato la redazione del sito web della testata torinese, di cui è stata anche caporedattrice; è stata inoltre Social media Editor sempre de La Stampa dal 2012. Dal 2007 al 2011 ha inoltre collaborato come blogger per il Guardian coprendo argomenti di politica ed attualità italiana. Dal gennaio 2014 lascia temporaneamente il suo lavoro a La Stampa ed entra in carica come Capo dell’Ufficio Stampa e Responsabile della Comunicazione della Camera dei deputati, votata a larga maggioranza dall’ufficio di presidenza della Camera (10 voti a favore, 2 contrari e 3 astenuti) il 22 dicembre 2013. Nel 2016 torna a La Stampa con il ruolo di public editor (garante dei lettori e utenti web). È nel Board of Trustees del Centro Nexa su Internet e Società al Politecnico di Torino.

Agnese Addone

Agnese Addone

Maestra per caso, ma con intenzioni serie 😉

Lavoro attivamente nella promozione della cultura digitale e partecipo ad iniziative nazionali ed internazionali sul tema. Ho raccontato in molte occasioni pubbliche in che modo l’esperienza informale di CoderDojo aiuti a sviluppare il pensiero creativo dei ninja, la collaborazione tra loro e più in generale un approccio consapevole e responsabile alla tecnologia e ai media. Credo che, con l’aiuto e il coinvolgimento dei “grandi”, Internet sia un posto importante in cui crescere.

Massimo Cerofolini.jpg

Massimo Cerofolini

Giornalista e sceneggiatore. Cura e conduce il programma quotidiano Eta Beta, su Radio1 Rai, dedicato alle sfide dell’innovazione e delle nuove tecnologie. In passato ha lavorato a Gr3, Tg3, L’Espresso, Paese Sera, l’agenzia Ansa e Italia Oggi. Ha scritto diverse fiction per RaiUno, tra cui Papa Giovanni, Papa Luciani e Madre Teresa. Sposato con Paola, ha due bimbi, Ester e Teo. http://www.etabeta.rai.it.

Emma Pietrafesa.jpg

Emma Pietrafesa

Ricercatrice non strutturata presso Enti di ricerca e Università, Comunicatrice. Lavora nel settore delle attività di ricerca e comunicazione da oltre 10 anni, con focus su: ICT e socialmedia ed impatto sugli stili di vita, tematiche di genere, salute e sicurezza sul lavoro, cyberharassment e cybersafety. E’ Responsabile del Coordinamento editoriale della Rivista accademica RES PUBLICA. Al suo attivo (italiano, francese ed inglese) oltre 40 pubblicazioni tra articoli, saggi, monografie e cura redazionale di pubblicazioni scientifiche e accademiche. Docente e relatrice in convegni e seminari di settore. Scrive per testate online nel settore ICT e digitale: TechEconomy, Girl Geek Life.

Federico Ferrazza.jpg

Federico Ferrazza

Direttore di Wired Italia. In precedenza ha fondato la media company Galileo Servizi Editoriali, azienda che si occupa di produzione e sviluppo di contenuti scientifici e di consulenza strategica nel campo della comunicazione. Ha scritto di scienza e tecnologia per diverse testate, tra cui Repubblica, Il Sole 24 Ore e L’Espresso. Ha insegnato Nuovi Media e Giornalismo Online presso l’Università La Sapienza e l’Università Tor Vergata di Roma.

Raffaele Gaito.jpg

Raffaele Gaito

Imprenditore Digitale, Growth Hacker, Blogger e Startup Mentor. Ho scritto la mia prima riga di codice a 15 anni e lanciato la mia prima azienda a 20. Ora aiuto Startup, Aziende e Professionisti a far crescere il loro business utilizzando il Growth Hacking.
In segreto mi alleno per diventare Batman.

Giovanni Caturano.jpg

Giovanni Caturano

Inizia a scrivere il suo primo gioco a 12 anni e vende il primo software a 14. Si trasferisce in Francia con i futuri soci e poi torna in Italia per fondare SpinVector, azienda che guida sulla frontiera tecnologica dell’interazione nei videogiochi e nella Realtà Aumentata, con milioni di utenti in 150 nazioni e una sfilza di premi (alcuni in denaro per mezzo milione di dollari). Giovanni Caturano tiene lezioni e conferenze in ambito internazionale e sostiene lo sviluppo attraverso la formazione di una nuova cultura dell’innovazione.

Maurizio Napolitano.jpg

Maurizio Napolitano

dopo il liceo indeciso se studiare scienze motorie o informatica ho optato per sociologia. Le passioni però non si uccidono e così, ho proseguito nello sport in qualità di allenatore di pallavolo (con trascorsi nella B italiana e nella A austriaca) e coltivato l’interesse per l’informatica frequentando le comunità hacker. Da lì ho imparato a muovermi nei sistemi gnu/linux, a capire il valore del software libero e quindi dell’importanza della condivisione della conoscenza e a programmare. Nel ’99 sono ho cominciato a lavorare presso il centro ICT di FBK-Fondazione Bruno Kessler (al tempo ITC-irst): un centro ricerca d’eccellenza situato in quel di Trento.Lì ho cominciato a lavorare sulle tecnologie geospaziali, il passaggio poi a quelle open source è stato breve così come quello verso l’open data (= non puoi creare una mappa se non hai i dati). Ho avuto la fortuna che il mio impegno da civic hacker è stato riconosciuto dall’istituzione per cui lavoro ed ora, ho la fortuna di essere il coordinatore di un gruppo dal nome “Digital Commons Lab” Il laboratorio vuole essere un catalizzatore fra pa, comunità e aziende nel favorire i beni comuni digitali quali l’open source,l’open data, wikipedia e openstreetmap.

Marco Stancati.png

Marco Stancati

Analogico per motivi anagrafici, si aggira da meticcio digitale tra on line e off line, consapevole che non sono mondi alternativi ma parti intrecciatissime della stessa quotidianità.
Oggi Comunicatore d’Impresa: Consulente direzionale, Formatore e Curatore della sezione “il Futuro è Già ieri” del Festival delle Generazioni. Nel tempo: Direttore della Comunicazione Inail; Dir. Responsabile RIMP Inail; Docente di “Comunicazione Organizzativa” e “Pianificazione dei mezzi” alla Sapienza di Roma.

tartaglia.jpg

Alessandro Tartaglia

Laureato in Design Industriale (Poliba) e specializzato in Grafica Editoriale e Sistemi Grafici (ISIA Urbino), è co-fondatore dello studio FF3300, CAST e La Scuola Open Source. Il suo lavoro è focalizzato sul processo, nella sua interezza. Nel tempo ha approfondito lo studio della tipografia, della linguistica, della teoria delle reti e della memetica. Lavora con gli esseri umani e le comunità che essi formano.

Fabio Pompei.jpg

Fabio Pompei

Ho 36 anni, sono un ingegnere informatico e ho oltre 16 anni di esperienza nel settore telecomunicazioni e bancario, attualmente sono quadro in una importante azienda di telecomunicazioni dove, nel tempo, ho assunto incarichi di crescente responsabilità. Sono anche professore universitario di due insegnamenti nel Corso di Laurea in Ingegneria Informatica in una università romana. Nel 2013 sono stato eletto consigliere del Municipio Roma XII e Presidente della commissione “Innovazione tecnologica”. In questi anni di impegno per la città ho realizzato a costo zero per l’amministrazione: sistemi innovativi capaci di semplificare la vita dei cittadini, progetti per lo sviluppo del patrimonio artistico e culturale, iniziative di decoro urbano partecipato, progetti di formazione digitale nelle scuole, iniziative internazionali per le start up e per favorire l’occupazione giovanile, studi innovativi per una mobilità sostenibile a beneficio dei cittadini.

Nicoletta Staccioli.jpg

Nicoletta Staccioli

Esperta di tecnologie digitali, da molti anni lavora nel settore Information Technology, occupandosi di gestione progetti in ambito privato e pubblico e formazione. Per passione, impegnata da anni sui temi dell’innovazione, della cittadinanza attiva, dell’inclusione sociale e digitale, per i quali ha svolto campagne di promozione, sensibilizzazione, disseminazione.
Dal 2010, volontaria della onlus Informatici Senza Frontiere; attualmente socia e membro del direttivo di Stati Generali dell’Innovazione, meta-associazione no profit.

Marco Goran Romano.png

Marco Goran Romano

Marco Goran Romano vive e lavora a Jesi (AN), dove ha fondato, insieme a Valentina Casali, lo studio Sunday Büro.
Dopo essersi laureato in Industrial Design all’ISIA di Firenze, ha iniziato la sua carriera come grafico per Gold Streetwear. Successivamente ha lavorato come resident illustrator presso la redazione di Wired Italia.
Nel corso della sua carriera ha ricevuto numerosi premi dalle principali organizzazione e pubblicazioni di settore per il suo lavoro di illustratore e letterer.

Alessio Nisi.jpg

Alessio Nisi

Giornalista, fotografo, blogger. Cronista. Mi occupo di news, artigiani digitali e storie di innovazione: su StartupItalia.eu, CheFuturo.it e ovunque ce ne sia bisogno. Mi piace bere caffè, ascoltare e incontrare persone.

fotina-manu.jpg

Emanuela Pulvirenti

Mi chiamo Emanuela Pulvirenti, sono un architetto, vivo a Caltanissetta e insegno di Disegno e Storia dell’Arte presso il Liceo Scientifico di Barrafranca (EN). Dal 2013 curo il blog Didatticarte dove archivio tutti i materiali didattici, scrivo di esperienze scolastiche e racconto percorsi legati all’arte e alla rappresentazione. Dal 2014 collaboro con la casa editrice Zanichelli per la formazione degli insegnanti sulla didattica digitale e la scrittura di testi scolastici.

Paolo Mirabelli .jpg

Paolo Mirabelli

Paolo Mirabelli è un drone-maker e un pilota di UAV esperto in sviluppo hardware open-source inerenti al controllo di Droni tramite microcontrollore Arduino, prototipazione rapida e robotica, CNC e attualmente impegnato nell’utilizzo di Droni UAV per la scansione 3D a mezzo Fotogrammetrie.
Si occupa da cinque anni di divulgazione della fabbricazione digitale low cost e professionale. Ha un’impresa che si occupa di produrre ed utilizzare Droni, Rover, etc. Nel 2014 ha aperto, assieme ad altri sognatori come lui, il primo CoWorking in provincia di Cosenza e attualmente riveste la carica di presidente di CoderDojo Cosenza e di vice-presidente dell’associazione InNovaTerra.Curatore dell’area droni e della voliera delle varie edizioni della MakerFaireRome.

Vittorio Scarano.jpg

Vittorio Scarano

Insegna Informatica all’Università di Salerno. Fa quello che gli piace di più ogni giorno, parla e ascolta di informatica con fanatici giovani e meno giovani. Fortunatamente, non si sono ancora accorti di questo e continuano a pagargli lo stipendio da professore universitario. Appassionato di tecnologia per insegnare l’informatica ai bambini, dopo aver sofferto con Logo, ha scoperto i CoderDojo con Scratch diversi anni fa e non li ha lasciati più. Gli piacerebbe cambiare il mondo, ma si accontenterebbe anche di molto meno, basta che accadesse con una canzone dei Genesis in sottofondo.

Salvatore Zingale.png

Salvatore Zingale

E’ricercatore presso il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano e docente di Semiotica del progetto alla Scuola del Design. È responsabile scientifico del progetto di ricerca “HumanitiesDesign Lab” (www.humanitiesdesign.org). Ha curato Segni sui corpi e sugli oggetti (con M.A. Bonfantini, Moretti&Vitali 1999) e, La semiotica e le arti utili in undici dialoghi (Moretti Honegger, 2005). I suoi lavori più rappresentativi sul design sono: Gioco, dialogo, design. Una ricerca semiotica (ATì, 2009) e Interpretazione e progetto. Semiotica dell’inventiva (FrancoAngeli, 2012).

Marinella Levi

Marinella Levi

Laureata in Ingegneria Chimica nel 1986, Marinella Levi è professore ordinario di Scienza e Tecnologa dei Materiali al Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica ‘Giulio Natta’ del Politecnico di Milano. I suoi interessi di ricerca spaziano dalla sintesi e caratterizzazione di nuovi materiali con particolare attenzione allo studio di materiali per le nuove tecnologie di stampa 3D, nell’ambito di settori diversi, come la salute, il benessere, e la personalizzazione. Marinella Levi è coautore di oltre 150 pubblicazioni a stampa, tra cui 7 monografie nell’ambito dei materiali per il design, di cui l’ultima, dal titolo ‘Fare o non fare. Non esiste provare’, propone un approccio originale alle applicazioni della stampa 3D nel quotidiano.

Emmanuele Curti.jpg

Emmanuele Curti

archeologo, dopo la formazione a Perugia, è approdato a Londra, dove ha insegnato agli University and Birkbeck College, dal 1992 al 2003, e successivamente all’Università della Basilicata. Si è occupato per anni di processi di acculturazione nell’antichità fra mondo greco, romano ed indigeno, ed ha portato avanti progetti di ricerca a Pompei e in Giordania. Negli ultimi anni la sua attenzione si è concentrata sui cambiamenti dei paradigmi delle discipline umanistiche legate ai beni culturali e al necessario sviluppo di un nuovo approccio alla dimensione socio/economica della cultura. È impegnato nel percorso di Matera 2019 ed in una serie di progetti sui beni culturali (digital culture, turismo di comunità, paesi in via d’abbandono, opendata, ecc.), lavorando a reti connettive.

Valeria Centorame.jpg

Valeria Centorame

Project Manager in Roland DG, Formatrice ed esperta di Digital Innovation. Digital Champion, membro attivo del cambiamento digitale nelle pubbliche amministrazioni e nella scuola. Esperta di funding ed orientamento alla creazione d’impresa, tramite formazione, accompagnamento e finanziamento di molte startup. Curatrice di progetti finanziati legati alla sharing economy. Da sempre Maven, connettore tra pubblico e privato e creatrice di molti eventi legati al tema della desktop Fabrication. Amica e grande fan del movimento coderdojoroma.

Marco Serra.jpg

Marco Serra

Ha 40 anni, abita a Roma ed è sardo. Sociologo del lavoro e dell’organizzazione. Presidente di Open Hub, co-fondatore di ProPositivo. Consulente, formatore e facilitatore esperto in metodologie partecipative e strumenti visuali. Ha lavorato in Italia e Brasile, occupandosi di ricerca socio-economica, sostenibilità, business intelligence, sviluppo delle persone. E’ stato fra gli speaker del TEDx della Tsinghua University di Pechino e fra gli organizzatori del TEDx Macomer.

Annunci